Contro le aggressioni fasciste, Resistenza!

Posted by
Contro le aggressioni fasciste, Resistenza!

 

La mattina del 25 aprile un nostro compagno è stato aggredito da un fascista di Forza Nuova per aver cercato di rimuovere, in qualità di rappresentante dell'ANPI Stadera e di compagno attivo nelle lotte di quartiere, uno striscione mirante a vilipendere la memoria dei partigiani, definiti assassini e stupratori. Non è la prima volta che il covo fascista di via Palmieri si rende protagonista di esalazioni dai miasmi del putridume storico che ambisce rappresentare. Il nostro compagno, che non è di primo pelo, è stato aggredito da un energumeno a petto nudo che gli ha messo le mani addosso e lo ha minacciato. La polizia, nonostante fosse stata allertata delle possibili provocazioni, ha evitato di presidiare il covo fascista e ha declinato i ripetuti inviti a rimuovere il vergognoso striscione. In seguito all’intervento del nostro compagno il capoccia ha mostrato il loro disappunto lasciandosi andare ad invettive nei suoi confronti dimostrando la sua vocazione a difendere i fascisti e permettere loro di esprimere i propri fantasiosi deliri storici.

Non ci sorprende, dato il lungo percorso di falsificazione cui è stata sottoposta la memoria della Liberazione, che ancora oggi formazioni fasciste vengano protette e considerate generiche "controparti" ideologiche del mondo democratico, cui garantire in ogni frangente il diritto all'esibizione di simboli e linguaggi squalificati dalla storia come inumani, di devozione imperitura alla causa di picchiatori, assassini, torturatori, delatori e guerrafondai, e della spocchia superomistica che rende tanto ridicoli questi piccoli personaggi.

Accanto alla solidarietà verso il nostro compagno, vogliamo rinnovare la parola d'ordine della chiusura dei covi fascisti, a partire da quello di via Palmieri. Allo stesso modo, rinnoviamo l'esigenza di sottrarre il patrimonio comune della Resistenza e dell'immaginazione di società più giuste dalle grinfie dei politicanti tutori dell'ordine capitalistico e della democrazia formale, sempre più sfacciati nel negare nei fatti quell'insegnamento antifascista di cui pretendono di essere gli eredi.

Viva i partigiani e le partigiane, viva la Resistenza!

Associazione Ya Basta! Milano
Centro Sociale CasaLoca

Contattaci

Our hotline is available 24/7

Telefono:02-64100541

Contact our hotline